Stampa questa pagina

Castello di Naro - Agrigento

Castello di Naro

Il castello di Naro, edificato nel Trecento dai Chiaramonte e per questo noto anche con il nome di “Castello Chiaramontano”, si erge sulla sommità di un colle denominato anticamente “monte Agragante”.
Il complesso comprende le mura di cinta con cammino di ronda, la torre quadrata voluta da Federico II d'Aragona e l'imponente mole massiccia del maschio.
Sul lato ovest della torre è stato murato uno scudo aragonese mentre sul lato est si possono ammirare due bifore tipicamente gotiche che illuminano la grande “Sala del Principe”, situata al primo piano della torre.
Il portale d’ingresso a sesto acuto è fiancheggiato da due bastioni rettangolari.
Le imponenti mura esterne sono intervallate da due torri cilindriche e da due torri quadrangolari.
All’interno della cinta muraria vi è una vasta corte interna con un pozzo al centro, sotto la quale è scavata una grande cisterna che veniva talvolta usata come prigione. Il cortile ospitava gli alloggi della guarnigione, la cappella e le scuderie e inoltre, in caso di attaccho, offriva rifugio ai contadini della zona.
Tra gli ambienti interni, coperti da volte a botte, risulta notevole il salone, cui si accede da una porta trecentesca, collegato alla terrazza merlata tramite una scala inserita negli spessori murari.
Il castello, dichiarato monumento nazionale nel 1912, é stato oggetto d'interventi di restauro con il duplice scopo di conservare l'edificio e di inserirlo nella realtà locale.
A tal fine due livelli dell'ala sud-est e della Torre Aragonese sono stati adibiti a museo mentre l’area sud-ovest è stata destinata ad ospitare un laboratorio di restauro.

Galleria immagini

Aggiungi commento


FaLang translation system by Faboba