Open

Tour nella città di Licata

In provincia di Agrigento, Licata si trova sulla costa meridionale, splendida città siciliana.
Il Licata nome ha subito, nel corso del tempo, diverse varianti. Inizialmente si trattava di Alukatos, allora Limpiadum, Limpiados, Lecatam, Cathal, Katta, Licatam, Leocata, Alicata.

Il più antico documento in cui si fa riferimento alla città, è un atto di donazione del vescovo Ruggero d'Altavilla di Agrigento che Gerlando. In questo documento ufficiale Licata è indicato il nome del Limpiadum c. Al di là dei diversi nomi che hanno sempre attratto l'attenzione è il significato, e su questo tema sono state fatte diverse ipotesi: per alcuni Licata deriva dal nome greco Leucada, per altri dal buck-KALATA con il significato del castello, luogo fortificato, e altri ancora il suo nome derivi dalle alikis con il significato di sale, altri da alica, il che significa che il grano era abbondante in quelle terre, da Lica, madre di Daphne. Molte sono le interpretazioni che vengono date al nome di Licata ora occupa 24 km della costa meridionale della Sicilia, ed è prevalentemente pianeggiante.
Il territorio è attraversato dal fiume Salso Licata che con la sua lentezza, ha dato origine alla pianura alluvionale della pianura. La città si trova nella parte occidentale del Golfo di Gela, su una collina chiamata monte. Le origini della città risalgono alla preistoria. Nel corso del tempo Licata ha legato la sua storia a quella della Sicilia, ha subito gli stessi governanti si sono trovati ad essere, oggi, la miscela di culture e tradizioni che lo rendono affascinante.

La storia di questo paese è stata fortemente influenzata dal corso Imera-Salso, che ha a lungo diviso la Sicilia, dalla costa del Sud Africa nel Tirreno settentrionale determinando, quindi, la distinzione tra sicari e dei siciliani.

Nel medioevo rappresentava il confine tra la Val di Mazara, Val Demone e Val di Noto, mentre durante il periodo normanno segnava il confine tra la Diocesi di Siracusa e Agrigento.

La biforcazione del Himera-Salso, che circonda la montagna, Licata rende quasi un'isola, è per questo che ha sempre dimostrato di essere una città protetta da seminativi, le caratteristiche che hanno reso popolata fin dai tempi antichi. In 281 a. C. il tiranno Finzia trasferisce tutti gli abitanti di Gela nel cui territorio avevano preso il che corrisponde al territorio di oggi di Licata. Altri eventi importanti furono nel 310 a. C. Battaglia dell'Imera, durante il quale i Greci furono sconfitti dai Cartaginesi, e la battaglia navale di Capo Ecnomo, durante la prima guerra punica, quando i Romani sconfissero i cartaginesi. Licata è parlato durante un altro periodo importante della storia che è la seconda guerra mondiale, quando gli alleati sbarcarono sulle sue coste per liberare la nazione.

 
Monumenti di Licata
 
Il passaggio delle diverse popolazioni, così come nella cultura e dei costumi ha lasciato un segno tangibile anche nel centro città civile e religiosa di Licata.

Una passeggiata per le vie di Licata mostra tutte le differenze e la bellezza che si mescolano.

Il quartiere Marina dispone di un impianto tipicamente arabo, mentre il Maltese, S. Paolo e di quei principi hanno sostanzialmente barocca.

Di grande interesse sono la archeologico sotterraneo Stagnone Pontillo, la necropoli di Monte Petrulla grotte artificiali, la Grangela (idraulico era preellenistica lavoro), la phrourion di Falaride (fortezza greca antica) ei resti della città greca di Monte Sant'Angelo.
Molti dei risultati in questi settori sono conservati nel Museo Civico Archeologico.
 
Tra i monumenti più interessanti sono:
The Lighthouse (il terzo più alto d'Italia), Castel Sant'Angelo (integrato tardo Cinquecento come fortificazione per la vista dove si può vedere gran parte della costa di Licata), City Hall (Art Nouveau), la Chiesa di Santa Maria Nuova (del '400 con alcune aggiunte del periodo barocco, nel quale si trova la Cappella del Cristo Nero), Santa Maria la Vetere (del '200, la chiesa più antica di Licata), il Carmine ('200 complesso con una chiesa e un monastero ), la Chiesa di Sant'Angelo (che conserva le reliquie del Santo), le chiese barocche di San Francesco, del Purgatorio, del SS. Salvatore e San Domenico, i palazzi barocchi e ville in stile Liberty.

Molto interessante per chi ama la natura, è l'Osservatorio della Foce del Salso avifaunistico effettuato al fine di dare protezione a una zona di interesse naturalistico, come la foce del fiume Salso. L'osservatorio è situato alla foce del fiume ed è costituito da un capanno per l'osservazione, a cui si accede attraverso un sentiero, e in cui si studia la migrazione, la flora e la fauna, le acque sono monitorati e visite guidate. La gestione del Centro è affidata al WWF Italia.

 
Spiagge di Licata

Altre attrazioni sono le spiagge. Per la realizzazione di questi scenari fantastici l'uomo non è stato coinvolto, è la natura che ha sapientemente forgiato e formato questi spettacoli.

Circa 20 km di costa variegata che va da distese di sabbia dove gli scogli, massi, altre grandi e piccole calette di dominare.

Alcune delle spiagge più belle sono: Poggio di Guardia, con scogliere e piccola spiaggia di sabbia, Playa Marianello, vicino al porto di pesca è una delle più belle spiagge di Licata e ci sono anche "timpe" che rendono i bianchi del paesaggio Badlands davvero affascinante;
Seahorse, Nicolizia, Balatazze, Mollarella, il più popolare e conosciuto in tutta la costa meridionale della Sicilia, con due promontori che formano la protezione, Poliscia, San Nicola, di dimensioni molto piccole fatto principalmente da rocce, La Rocca; Pisciotto; bocca di la gallina, le spiagge più incontaminate tutti licatesi, e Torre di Gaffe che prende il nome dalla vicina torre di guardia.


Altre informazioni di Licata

Il turismo è la città di Licata, la fonte primaria di reddito dal momento che questa città la più affollata e più nota della costa meridionale della Sicilia.

L'agricoltura e la pesca sono sempre stato interessato in questo settore per l'importanza che il porto di Licata ha sempre avuto nel Mediterraneo, per lo smistamento delle merci, e oggi i primi prodotti di grano e le miniere di zolfo. Oggi ci sono tante attività legate alla pesca.




Aggiungi commento


FaLang translation system by Faboba

4 - Itinerari Castels Chiaramontani

5 - Itinerari Parchi Letterari

La provincia di Agrigento terra di grandi scrittori e poeti

Svago e divertimento

Divertimento e vita notturna

Bathing Resort Havana Libre - Marina di Palma (AG) Disco/Osteria/Pizzeria Oasi Beach - Licata (AG) Disco Molly Club  - Licata (AG) Disco Shulùq - Licata (AG) Lido Balneare Havana Libre…
Leggi tutto...

Commenti

  • B&B Casa Malerba - Sicily

    Massimo 01.06.2012 06:54
    Grazie per la gentilezza e la disponibilità che mi avete offerto :)

    Leggi tutto...

Guida turistica a richiesta

Possibilità di richiedere la guida turistica all'atto della prenotazione o anche successivamente.

Contatti

B&B Casa Malerba | Palma di montechiaro | Agrigento Sicily

Contrada Facciomare Malerba
92020 Palma di Montechiaro
Agrigento - Sicily
contact +39 349 0980801;+39 339 1368016
booking-bed-and-breakfast-casamalerba
info-bed-and-breakfast-casamalerba

Meteo Agrigento

top